Disclaimer per i contenuti del Blog


DISCLAIMER:Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo ne degli eventuali danni derivanti dall'utilizzo proprio od improprio delle informazioni presenti nei post.

giovedì 5 settembre 2013

Aiuto! Il mio PC si è rallentato! (seconda parte)

In quest post tratteremo del rallentamento causato dalla frammentazione dei files presenti nell'HD.

Ma cosa si intende esattamente per frammentazione?Molto semplice: al fine di utilizzare in maniera efficiente lo spazio disponibile senza dover indicizzare ogni singolo settore fisico del disco, l'unità minima di allocazione di spazio del nostro HD (maggiori info relative al funzionamento di un HD le trovate qui) si chiama CLUSTER.  Ogni volta che andiamo a scrivere un file occupiamo uno o più cluster a seconda della dimensione del file. Nei limiti del possibile, per ridurre al minimo gli spostamenti della testina di lettura/scrittura, il sistema operativo tenta di scrivere il file in cluster contigui ma non sempre questo è possibile; il caso tipico è quello dove il file da memorizzare è di dimensioni maggiori del più grosso spazio di cluster contigui disponibile. La scrittura di files in cluster non contigui è definita "frammentazione" e, quando troppo frequente, comporta un degrado non indifferente delle prestazioni del sistema.

La soluzione è semplice, utilizzare uno dei tool di deframmentazione esistenti con frequenza almeno mensile. Tutte le versioni di Windows dispongono di un tool di deframmentazione (in Windows XP si trova su Start/Tutti i programmi /Accessori/Utilità di sistema/Utilità di deframmentazione dischi, in Windows 7 ed 8 viene eseguita periodicamente dal sistema ma può anche essere eseguita manualmente).

Esistono tool di terze parti per eseguire il processo di deframmentazione, es. Defraggler (sempre di Piriform, i stessi di CCleaner).

Nessun commento:

Posta un commento