Disclaimer per i contenuti del Blog


DISCLAIMER:Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo ne degli eventuali danni derivanti dall'utilizzo proprio od improprio delle informazioni presenti nei post.

martedì 10 settembre 2013

Un server LAMP per il test di applicazioni Web - 2

Dopo che nel post precedente abbiamo installato il software di virtualizzazione, configurato una virtual-machine fatto boot da cd virtuale dovremmo avere sul nostro monitor la schermata di Fig.1.

Selezioniamo la prima riga e premiamo sulla tastiera il tasto Enter/Invio

Fig.1
La prima cosa che ci viene chiesta è se vogliamo fare un test di affidabilità del CD dal quale stiamo installando CentOS, la cosa non ci interessa quindi spostiamoci su "Skip" e premiamo la barra spaziatrice (che da ora in poi verrà usata come tasto di conferma dell'opzione selezionata).

Fig.2
La schermata di benvenuto...

Fig.3
Selezioniamo la lingua (dalla schermata di fig.5 in poi verrà utilizzata la lingua selezionata in fig.4)...

Fig.4
...la tastiera utilizzata...

Fig.5
 ...e finalmente passiamo all'HD virtuale. CentOS si accorge che non ci sono partizioni definite e ci chiede cosa fare: selezioniamo "Re-Inizializza"...

Fig.6
...selezioniamo il nostro fuso orario...

Fig.7
...creiamo una password per l'utente 'root' (qui ci si dovrebbe fermare un istante per spiegare bene l'importanza di una password SOLIDA da assegnare all'utente 'root' ma, dal momento che questo server verrà usato in locale solo per il test di applicazioni e NON VERRA' MAI ESPOSTO AD INTERNET, possiamo soprassedere e mettere una qualsiasi password) coscienti che...

Fig.8
...il sistema ci avvertirà della eventuale debolezza ma ci permetterà comunque di andare avanti a nostro rischio e pericolo.

Fig.9
Siamo finalmente arrivati al partizionamento del disco...

Fig.10
...ed alla scrittura delle informazioni di partizionamento.

Fig.11
Il nostro intervento è per ora terminato. Inizia l'installazione dei pacchetti presenti nel file ISO che abbiamo scaricato. Questa fase normalmente dura 10/20 minuti.

Fig.12
Fig.13
Fig.14
Il sistema è ora installato. Dobbiamo riavviare la virtual-machine affinché possa fare boot da hard disk.

Fig.15
Se tutto è andato per il verso giusto, dopo qualche secondo (e tante informazioni che scorrono a video) dovremmo essere in grado di vedere la seguente schermata.

Fig.16

Benvenuti in Linux!

Ora dobbiamo configurare ed aggiornare l'installazione base, ma di questo tratteremo nel prossimo post.


Nessun commento:

Posta un commento