Disclaimer per i contenuti del Blog


DISCLAIMER:Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo ne degli eventuali danni derivanti dall'utilizzo proprio od improprio delle informazioni presenti nei post.

venerdì 4 aprile 2014

Accedere al Raspberry PI via rete senza utilizzare il suo IP

Per accedere via rete al PI dobbiamo sapere quale sia il suo indirizzo IP. Se abbiamo configurato l'adattatore per ricevere un indirizzo IP valido dal server DHCP, a meno di particolari configurazioni del server DHCP (solitamente integrato nel router), non avremo mai la certezza di quale indirizzo sia stato assegnato.

Un sistema abbastanza semplice per risolvere il problema è l'utilizzo sul PI di un servizio che pubblichi in rete le informazioni delle quali abbiamo bisogno, ad esempio l'hostname, così da accedere al PI utilizzando il suo nome invece del suo indirizzo.

Il servizio che permette di svolgere questa funzione (Multicast DNS Service Discovery) si chiama Avahi. I sistemi Apple (Mac, iPhone, iPad, iPod) lo utilizzano di default (per es. AirPrint sfrutta proprio questo protocollo per la ricerca delle stampanti presenti nella subnet), per i sistemi Windows ci sarà bisogno di installare un piccolo modulo (peraltro non necessario se sul nostro PC abbiamo già installato iTunes... mai sentito parlare del servizio Bonjour???).

Ma ritorniamo al PI. Prima di tutto andiamo ad impostare l'hostname del PI; il suo default è raspberrypi ma per pigrizia ho deciso di accorciarlo a rpi. Possiamo modificare l'hostname utilizzando

   sudo raspi-config

andando su Advanced Option/Hostname ed impostando quello che più ci aggrada avendo cura di fare reboot al termine

Ora che l'hostname è impostato verifichiamo se Avahi è già installato sul nostro PI (chi ha correttamente installato un dongle BT probabilmente ha già il servizio installato ed attivo):

   service avahi-daemon


in questo caso il servizio è già presente altrimenti avremmo ricevuto un messaggio di errore tipo:
avahi-daemon: unrecognized service.

Se Avahi non è installato possiamo procedere con:

   sudo apt-get update
   sudo apt-get upgrade
   sudo apt-get install avahi-daemon

Al termine dell'installazione

   sudo reboot

per far si che tutto parta automaticamente. A questo punto il PI è a posto e non sono necessarie ulteriori configurazioni.

Se abbiamo un Apple abbiamo finito, mentre se abbiamo un PC Windows (senza iTunes installato) dobbiamo provvedere al setup del servizio Bonjour; il pacchetto lo si può trovare su http://support.apple.com/kb/DL999?viewlocale=it_IT. Una volta installato il software il PI sarà finalmente accessibile:


Nell'esempio riportato l'errore "connessione rifiutata" dipende dal fatto che non c'e' un server FTP sul PI, infatti tentando di accedere ad un host inesistente il messaggio di errore è ben diverso...

Nessun commento:

Posta un commento