Disclaimer per i contenuti del Blog


DISCLAIMER:Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo ne degli eventuali danni derivanti dall'utilizzo proprio od improprio delle informazioni presenti nei post.

mercoledì 30 aprile 2014

Un esperimento per ridurre il disturbo da "Referer Spam"

Qualunque utente della piattaforma Blogger (e probabilmente di altre) ha prima o poi avuto a che fare con il problema del "Referer Spam", siti che accedono al nostro blog, probabilmente a mezzo bot, falsando le statistiche di accesso e generando traffico inutile, tra questi posso citare vampirestats.com, 7secretsearch.com, www.adsensewatchdog.com, zombiestat.com e probabilmente molti altri.

La cosa in se non è particolarmente grave ma mi disturba avere improvvisi picchi di accessi (falsi) ogni volta che pubblico un nuovo post.

Per ovviare a questo "problema" ho realizzato un piccolo modulo JavaScript che, almeno apparentemente (è in linea da dicembre 2013), ha fatto si che il mio Blog sia diventato poco appetibile/interessante per i suddetti cialtroni.

La sua struttura è molto semplice:

//------------------------------------------------------------------
// Stop unwanted referer and redirect the browser to google
//------------------------------------------------------------------
var IncomingReferrer = document.referrer;
if (IncomingReferrer !=="") {
 var UnWanted = ["http://vampirestat.com", 
     "http://7secretsearch.com",
     "http://www.adsensewatchdog.com",
     "http://zombiestat.com"];
 for (var i = 0; i < UnWanted.length; i++) {
  if (IncomingReferrer.substr(0,UnWanted[i].length) == UnWanted[i]) {
   i=100000;
  }
 }
 if (i>100000) {
  document.write('<script type="text/undefined">')
  location.href = "http://www.google.com";
 }
}

Non faccio altro che verificare se il referrer è tra quelli presenti nella black-list "UnWanted" e se il test è positivo redirigo il browser vero un'altra URL, in questo caso google.com, di fatto interrompendo il caricamento della pagina del blog.

Lo script va posizionato immediatamente dopo il tag <HEAD>


e questo si può fare andando su Modello/Modifica HTML


Può darsi che il mio Blog non sia più stato visitato dai bot in quanto ritenuto poco interessante o può darsi che lo script abbia sortito il suo effetto, sta di fatto che se a qualcuno va di provare ad apportare la stessa modifica, sarò lieto di ricevere feedback a riguardo.

NOTA del 1/5/2014
Corretto errore di digitazione:  "if (i=100000) {" va modificato in " if (i>100000) {"


Nessun commento:

Posta un commento